Il Nuovo Diritto ad Essere Dimenticato dal Web

Quando Internet non esisteva le notizie di cronaca finivano col tempo per essere dimenticate dalla società, dando così la possibilità alla persona oggetto di cronaca di potersi rifare una vita. Con l’avvento di Internet tutto ciò è andato a modificarsi. Oggi la maggior parte della popolazione mondiale detiene l’accesso a Internet e per tale motivo può, attraverso la semplice digitalizzazione su un un motore di ricerca, documentarsi in merito a qualsiasi cosa. Si pensi però alla persona precedentemente citata che, per vari motivi, è stata oggetto di notizie di cronaca, magari anche risalenti ad anni fa, che continuano ad essere visibili sul web. Le notizie in questione però non sono sempre aggiornate o veritiere e spesso descrivono solo una parte della vicenda; ad esempio possono anche far riferimento a quelle vicende dove una persona, nonostante sia stata immediatamente assolta per non aver mai commesso il reato, viene ancora citata sul web come colpevole. Ecco perché negli ultimi anni la legislazione si è spinta verso la creazione di nuovi diritti che potessero tutelare maggiormente la privacy della persona, soprattutto sul web. Entro tali diritti è stato emanato il nuovo diritto ad essere dimenticato dal web, ovvero a poter richiedere la cancellazione delle notizie dai motori di ricerca come Google.

Il nuovo diritto ad essere dimenticato dal web, in giurisprudenza è stato definito come “Diritto all’Oblio”, la cui denominazione rappresenta al meglio la sua reale funzione. Il Diritto all’Oblio è entrato in vigore grazie al regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, il 25 maggio 2016 ed è inteso come il diritto di non rimanere esposti sul web in merito alle vicende pregiudizievoli del proprio onore. Il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati personali intende proteggere, oltre che la privacy, anche la reputazione e l’onore della persona, le quali sono gravemente lese a causa della diffusione sul web. Il diritto all’oblio rappresenta uno dei punti fondamentale delle nuove normative europee ed è regolamentato dall’articolo 17 del GDPR (General Data Protection Regulation), che dichiara: “L‘interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo” (diritto all’oblio articolo).

In tal senso, per esercitare il nuovo diritto ad essere dimenticato dal web, potrebbe essere utile l’assistenza giuridica di un avvocato esperto in materia di diritti sul web, in quanto è importante sapere che il diritto all’oblio è un diritto che potrebbe scontrarsi con un altro diritto importante per la persona, ovvero il diritto di cronaca o di accesso all’informazione.