A che cosa serve l’imballaggio? 4 funzioni principali

Proteggere il contenuto

La prima funzione che il packaging ha è quella di proteggere il contenuto. Il livello di protezione dipende dal prodotto stesso poiché non è la stessa cosa confezionare un prodotto alimentare piuttosto che un cosmetico. La confezione deve conservare il prodotto che vi è contenuto, mantenendo intatte tutte le caratteristiche. Fattori come l’aria e l’acqua non devono entrare nella confezione né tanto meno polvere, sporcizia e altre particelle che deteriorano e rovinano il contenuto. Una caratteristica della confezione di un prodotto è che sia facile da aprire e da richiudere, evitando anche parti che possano ferire soprattutto i più piccoli. Oggi le confezioni devono anche avere delle attenzioni verso la sostenibilità ambientale perciò ridursi al massimo senza far prendere le proprietà del prodotto.

Dare tutte le informazioni

Un imballaggio, indipendentemente dal tipo di prodotto che contiene, deve dare al consumatore tutte le informazioni utili. Se si tratta di un prodotto alimentare, la confezione deve indicare il tipo di ingredienti utilizzati, la possibile traccia di altri ingredienti, gli allergeni, il metodo di conservazione nonché di cottura. Se l’imballaggio è di un farmaco devono esserci indicate ancora altre informazioni come la data di scadenza, il principio attivo e la sua concentrazione, il metodo di somministrazione e simili. Infine, se si dovesse trattare di un prodotto cosmetico, la confezione indica anche sta volta tutti gli ingredienti e anche il metodo di applicazione e i risultati che si ottengono. Insomma, qualsiasi sia il prodotto, la sua confezione deve informare in merito a tutte le caratteristiche dello stesso.

Ottimizzare il trasporto

La confezione deve essere studiata perché sia facilitato il trasporto. Per tale ragione non si vedono mai confezioni rotonde o con forme strane e irregolari perché non sono funzionali al trasporto. Il design di un packaging non è molto diverso perché la libertà di inventiva è un po’ frenata da questa funzione. Una azienda deve poter ottimizzare al meglio i trasporti così c’è bisogno che i macchinari che si occupano del confezionamento siano studiati per realizzare imballaggi leggeri, compatti e di forma regolare così da poter mettere un grande numero sui mezzi, diminuendo le spese per questa voce. Una buona squadra che aiuta a progettare l’imballaggio migliore e studiare i sistemi integrati per realizzarlo è quello che servirebbe a ogni azienda.

Attirare il cliente

Il packaging non deve essere solamente funzionale per contenere il prodotto, informare sulle caratteristiche e facilitare il trasporto ma viene progettato con una certa grafica e stile per poter attirare il cliente. Lo stile di una confezione è quello che consente la sua commercializzazione e spesso gli imballaggi si rinnovano per potersi adattare allo stile più corrente. Un prodotto alimentare biologico e artigianale avrà una confezione che comunica subito questi valori, del tutto diversi da quelli che caratterizzano un prodotto di elettronica, per esempio, che avrà un imballaggio totalmente diverso. Il design di una confezione è frutto di studi e progettazioni pari a quelli per realizzare i macchinari che lo producono.